Cadigroup presenta il nuovo “progetto miele”

23 settembre 2014 | commenti: 0

progetto-miele

Una delle caratteristiche che ha determinato il successo dei prodotti Cadigroup, è certamente il costante impegno nella ricerca di materie prime di altissima qualità, come ad esempio: la menta del Mintoil, il glucomannano ad alta densità, la stevia rebaudiana come edulcorante naturale al posto di quelli chimici. Questo stesso impegno, ha portato l’azienda a collaborare con il Centro Ricerche Miele presso il Dipartimento di Biologia dell’Università di Roma “Tor Vergata” per la caratterizzazione e l’uso nutrizionale dei prodotti dell’alveare al fine di proporsi quale punto di riferimento altamente specializzato nello studio e nello sviluppo di prodotti per la Nutraceutica.

Il Progetto miele della Cadigroup, nasce da questa esperienza e prevede l’avvio di una produzione in proprio di miele, propoli e polline di alta qualità secondo disciplinare biologico e senza OGM, per cercare di garantire il miglior prodotto possibile ai propri consumatori. Per realizzare questo ambizioso progetto, la Cadigroup sta collaborando con Tecnici specializzati che, sulla base di un’esperienza pluriennale in Entomologia e Apicoltura, hanno sviluppato per noi metodi e protocolli innovativi in certificazione biologica per gestire tutte le potenzialità dell’ape italiana, Apis mellifera ligustica, la migliore ape da miele al mondo.

Il punto di forza del Progetto miele è rappresentato da un collaudato protocollo di allevamento e propagazione delle colonie che meglio si sono adattate agli ambienti naturali in cui si trovano i nostri apiari. Inoltre, le caratteristiche tipiche dell’ape Ligustica vengono mantenute in purezza anche attraverso metodiche specialistiche di allevamento delle api regine, nel pieno rispetto del benessere degli animali.

Le nostre produzioni sono garantite dal lavoro senza sosta di 25 Api Regine, 3 milioni di Api Operaie e mezzo milione di operai stagionali, i Fuchi, che compaiono nelle colonie solo durante la Primavera per la riproduzione, oltre ad un gruppo di fidati collaboratori (gli Apicoltori).

Condividi questa pagina con i tuoi amici e colleghi:
Facebook Twitter Linkedin Tumblr Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *