Maggio 2010

17 dicembre 2010 | commenti: 0

Convegno Nazionale “La Stipsi”

Milano il 14 Maggio 2010-05-18

Il Dr Bazzocchi di Bologna apre il convegno introducendo il problema della stipsi con delle slides che ne illustrano i nuovi inquadramenti fisiopatologici e conclude con le attuali terapie della stipsi. Tra queste ha sottolineato l’uso di fibre che possono svolgere la loro azione migliore, se trovano un buon equilibrio nella flora intestinale.

Per ottenere tali condizioni è importante una buona proliferazione di lattobacilli e bifidobatteri indispensabili entrambi per una buona funzionalità intestinale. Perciò per riportare alla norma qiella flora batterica è bene integrare la dieta con dei probiotici specie se aggiunti anche di prebiotici (FOS e inulina) che producono e sviluppano oltre ai bifido batteri anche SCFA, fornendo così anche nutrimento ed energia ai colonociti.

La soluzione ottimale perciò è l’uso dei simbiotici (tipo Probinul) per migliorare, oltre alla funzionalità del tenue, anche il trofismo di tutto il colon.

Così operando le fibre che arrivano nell’intestino possono svolgere al meglio, trovando una flora batterica bioattiva, la loro funzione antistipsi. Qualora non fossero sufficienti le fibre introdotte con l’alimentazione l’ AGA (American Gastroenterologists Association) consiglia in prima battuta l’aggiunta di integratori di fibre, tipo Glucomannano (Ecamannan) e subito dopo, se necessario, l’aggiunta di Lattulosio (tipo Lactomannan) o PEG.

Stessi concetti sono stati espressi più volte durante il congresso e ribaditi in particolare dalla Dott.ssa Ogliari che si è occupata delle terapie della stipsi da rallentato transito.

Convegno SIO Milano

Il 10/11 Settembre 2010 si è svolto all’Università degli Studi di Milano il Convegno Nazionale SIO sezione regionale Lombardia.

Durante il congresso il Dr Cortinovis di Bergamo ha presentato una relazione sull’utilizzo delle fibre nei pazienti con sindrome metabolica e nell’obesità” mettendo in risalto le differenze di viscosità e del meccanismo di azione delle varie fibre solubili; ad esempio lo psillium funziona solo sull’intestino come massa lubrificante, mentre il glucomannano (tipo Ecamannan) ha un’azione più completa perché, il Dr Cortinovis, afferma che funziona con effetto di sazietà, e come massa intestinale.

Tali concetti venivano ultimamente ribaltati e confermati dal Dr Vanotti di Como nella sua relazione del pomeriggio su quali integratori/prodotti OTC possono essere impiegati in modo appropriato nell’eccessoponderale nella pratica clinica ambulatoriale.

Tra i vari prodotti a base di fibre solubili il glucomannano (tipo Ecamannan) risultava anche per lui la migliore e più efficace fibra in commercio.

Condividi questa pagina con i tuoi amici e colleghi:
Facebook Twitter Linkedin Tumblr Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *