Preserviamo la nostra gola

7 dicembre 2010 | commenti: 0

come combattere influenza, tosse e raffreddore | cadigroup.eu

Al cambio di stagione primaverile ed autunnale si va incontro a frequenti episodi di infiammazioni del cavo orale. Molto spesso in questi casi si può evitare l’uso di antibiotici e ricorrere a rimedi topici locali usando appositi prodotti ad azione antiinfiammatoria naturale.
I migliori contengono associazioni di estratti o prodotti naturali ben conosciuti come propoli, aloe vera gel, calendula, ecc. che forniscono spesso, con l’azione antinfiammatoria, anche un azione antibiotica naturale.
Le forme che si presentano più frequentemente sono faringiti e laringiti acute dovute spesso a diversi fattori ambientali.

Ugualmente fastidiose possono esser anche affezioni del cavo orale come quelle causate dalla Candida Albicans (mughetto, terapie cortisoniche, diabete, ecc.) che invece compaiono in ogni stagione. Anche in questo caso i suddetti prodotti contenenti principalmente propoli, ma anche altri componenti come Aloe Vera gel, calendula, ecc. possono essere molto utili per la loro azione antimicotica, specie se sono somministrati sotto forma di gel che quindi, aderendo alla mucosa orale, può svolgere azione salutare più efficace e più a lungo sull’infiammazione della stessa.

Si possono usare anche colluttori vari che però sono poco adatti a bambini e persone anziane, poiché non devono essere ingeriti, mentre altre formulazioni presentate come gel possono, oltre che svolgere la loro azione sul cavo orale, esser ingerite ed esser utili anche a livello della mucosa esofagea. Ovviamente se è interessato il cavo orale o il tratto faringo-laringeo il gel dovrà essere, tramite la lingua o tampone o cucchiaino, passato sulla zona da trattare e ivi mantenuto per alcuni minuti.

Un prodotto che riunisce le proprietà sopradette, in forma di gel, e come azione antinfiammatoria, antibatterica ed in più un’azione anestetizzante, è costituito dal Faringel composto da Propoli depollinata, Aloe vera, Calendula, Camomilla e Miele. Con questi componenti, che esplicano azione sinergica tra loro, il Faringel oltre che per tutte le infiammazioni e infezioni del cavo orale e del tratto faringo-laringeo può rivelarsi utile anche nelle esofagiti da reflusso gastro-esofageo di cui soffrono moltissime persone. Se ne consiglia l’assunzione di un misurino (contenuto nel tappo) o di una bustina  dopo il pranzo finché persiste l’infiammazione.

Il reflusso gastro-esofageo può esser acido o poco acido e può danneggiare la mucosa esofagea. Per questo vengono usati gli inibitori di pompa protonica (PPI) che impediscono la secrezione di acido nello stomaco che causa appunto l’acidità del reflusso, ma non riescono ad esplicare un’azione antinfiammatoria. Per questo Faringel usato dopo i pasti può migliorare l’azione degli PPI prescritti dal medico combattendo l’eventuale stato infiammatorio della mucosa esofagea.

Condividi questa pagina con i tuoi amici e colleghi:
Facebook Twitter Linkedin Tumblr Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *