42 Comments

  1. Anna Frati
    17 novembre 2016 @ 17:00

    Salve, mia madre, che ha 49 anni e che è affetta da aterosclerosi polidistrettuale da iperlipoproteinemia a con intolleranza alle statine, ha incominciato ad assumere Cadired 5 circa 2 mesi fa. Il primo mese ha assunto mezza compressa al giorno, notando già una modesta diminuzione del colesterolo LDL e non avendo nessun effetto collaterale. Il secondo mese, su consiglio medico, ha aumentato la dose ad 1 compressa al giorno, ma ieri dalle analisi ematiche di routine, è emerso che i suoi trigliceridi hanno un valore di 18 (valori idonei da 30 a 150) quindi sta soffrendo di ipotrigliceridemia, ma soprattutto ha avuto un lieve incremento delle Transaminasi ALT con valore di 41 (valore idoneo inferiore a 31). Contestualmente assume da anni Cardioaspirin 1 compressa al giorno 100mg e 1 opercolo al dì di Omega 3. Pertanto vorremmo sapere se Cadired 5 può avere un effetto intossicante sul fegato, poiché non ha mai avuto problemi epatici e non ha mai avuto incrementi delle ALT, ma ha familiarità da parte paterna per epatocarcinoma non alcolico. Vorremmo inoltre sapere se ci consigliate di diminuire nuovamente la dose o di sospendere momentaneamente il farmaco. Distinti saluti

    Reply

    • admin
      18 novembre 2016 @ 14:27

      @ Anna Frati:

      È possibile che il lieve incremento dei valori di transaminasi ALT che ci riferisce sia dovuto ad un importante abbassamento dei valori di trigliceridi. Le suggeriamo quindi, in accordo con il suo medico curante, di ridurre il dosaggio degli omega 3, che intervengono principalmente sull’abbassamento del valore di trigliceridi, e successivamente, se ce ne fosse bisogno, di tornare al dosaggio iniziale di mezza compressa di Cadired 5.

      Cordiali Saluti

      Reply

  2. Sheila
    7 giugno 2016 @ 12:39

    Buongiorno vorrei sapere se cadired 5 da effetti collaterali sui muscoli simili all` esterol 10 che devo smettere per questo motivo.
    Grazie

    Reply

    • admin
      7 giugno 2016 @ 14:20

      @ Sheila:

      Quali sono i suoi valori ematici di colesterolo? Il principio attivo di Cadired 5 è lo stesso contenuto in Esterol 10, ossia la Monacolina K da riso rosso fermentato. Questo attivo naturale, simile alle statine di sintesi, più difficilmente fa insorgere problemi a livello muscolare. In ogni caso, ogni compressa di Cadired 5 contiene 5 mg di manacolina K, un dosaggio dimezzato rispetto a quello di Esterol 10 (10 mg). Potrebbe quindi assumere una sola compressa di Cadired 5 per almeno tre mesi e valutare così sia la tollerabilità che l’efficacia del prodotto nel ridurre i suoi valori di colesterolo. Se dovesse continuare a riscontrare problemi o non fosse soddisfatta dei risultati ottenuti, non esiti a ricontattarci per valutare opzioni alternative.

      Cordiali Saluti

      Reply

  3. Alessandro
    12 maggio 2016 @ 15:00

    Vorrei sapere quanti mg di monacolina K sono presenti in ogni compressa di Cadired 5.

    Reply

    • admin
      18 maggio 2016 @ 9:59

      @ Alessandro:

      In ogni singola compressa di Cadired 5 sono presenti 5 mg di monacolina k.

      Cordiali Saluti

      Reply

  4. emanuela
    10 maggio 2016 @ 10:58

    buongiorno, mio marito ha il colesterolo totale a 310, valore alto, i trigliceridi sono nella norma, stava prendendo le statine ma gli hanno fatto tanto male e le ha dovute sospendere, cosa mi consigliate? può prendere CADIRED 5? e come le deve assumere? vi ringrazio molto.
    emanuela

    Reply

    • admin
      12 maggio 2016 @ 9:28

      @ emanuela:

      I valori di colesterolo di suo marito sono davvero elevati. In questo caso consigliamo di utilizzare Cadired 5 al dosaggio di due compresse al giorno, da assumere preferibilmente insieme, la sera dopo cena. Per limitare l’assorbimento di grassi provenienti dal pasto e contribuire a ridurre i valori di colesterolo mediante due meccanismi naturali diversi tra loro, suggeriamo di associare anche 2 capsule di Ecamannan da assumere durante il pranzo con abbondante acqua. Dopo tre mesi di trattamento è consigliabile ripetere le analisi per valutare l’andamento dei valori ematici e, nel caso, aggiustare i dosaggi.
      Restiamo a disposizione per ulteriori informazioni e chiarimenti.

      Cordiali Saluti

      Reply

  5. Nevio
    24 febbraio 2016 @ 16:37

    Vorrei gentilmente sapere se, in aggiunta alle statine che sto già assumendo ( simestat da 10 mg, per ipercolesterolemia di tipo familiare) posso anche assumere Cadired 5. Questo in quanto dovrei ridurre il colesterolo dagli attuali 220 mg almeno a 200( attualmente i trigliceridi si aggirano attorno ai 200) e mi farebbe comodo evitare l’aumento di dosaggio di statine a a causa dei noti effetti collaterali. Faccio presente che sono un soggetto a rischio per tendenza familiare

    Reply

    • admin
      25 febbraio 2016 @ 17:23

      @ Nevio:

      Può assumere 1 compressa di Cadired nella mattinata e una di Simestat 10 mg la sera con un trattamento di otto settimane. Potrà poi procedere ad una analisi del Suo profilo lipidico.
      Infatti i componenti di Cadired potenziano l’azione del riso rosso e riducono gli effetti indesiderati delle statine.

      Cordiali Saluti

      Reply

  6. vittorio
    6 febbraio 2016 @ 19:33

    sono interessato a prendere il cadired 5 per fare abbassare i valori del mio colesterolo, le comunico che al momento prendo una pasticca di Torvast 20 la sera dopo i pasti, prendo pure una pasticca di cardiospirina
    a mezzogiorno dopo i pasti e due pasticche di Gliclazide 30mg per il mio diabete.
    Ho un diabete tranquillo a digiuno dai 125 a 145, il mio colesterolo totale è 226,il mio peso corporeo è 175kg
    ho quasi 77anni e sono alto circa un metro e settanta.
    Domanda: mi consiglia di cambiare ilTorvast20 con ilCadired 5? conduco uno stile di vita molto attivo e
    una alimentazione sana ed equilibrata,
    Desidero avere una risposta , distinti saluti grazie.

    Reply

    • admin
      8 febbraio 2016 @ 15:03

      @ vittorio:

      Prima di poterle dare una risposta, vorremmo essere certi che il valore del peso da lei indicato sia un errore. Riteniamo infatti che forse il suo peso sia di 75kg e non 175, credendo ci sia stato un errore di battitura.
      Attendiamo sua eventuale conferma e poi le potremo dare una risposta.

      Cordiali Saluti

      Reply

      • vittorio
        13 febbraio 2016 @ 21:51

        in effetti è come dite voi vi è stato un errore di battitura con grande soddisfazione devo comunicarvi che il mio peso è di kg 75 circa attendo uno vostra valutazione , ho letto in alcuni quotidiani gli effetti collaterali su questo riso fermentato ,essi informavano che in alcuni pazienti si manifestavano crampi muscolari e scompensi vascolari ; vogliate cortesemente chiarire questi miei dubbi .
        grazie distinti saluti vittorio

        Reply

        • admin
          17 febbraio 2016 @ 11:15

          @ vittorio:

          Per i suoi valori di colesterolo totale non elevatissimi, e visto che segue uno stile di vita attivo ed una alimentazione corretta, potrebbe senza dubbio provare a sostituire Torvast 20 con Cadired 5. A differenze delle statine di sintesi (principio attivo del Torvast), infatti, il riso rosso fermentato blocca solo parzialmente la sintesi di colesterolo endogeno e, proprio per questo motivo, non crea tutti quei possibili effetti collaterali a livello muscolare e cardiovascolare che lei ha letto e che sono appunto caratteristici delle statine di sintesi. In Cadired 5, inoltre, sono presenti anche altri composti (biancospino, carnitina, cromo, niacina e astaxantina) che contribuiscono alla normalizzazione dei valori di TC LDL e trigliceridi e, allo stesso tempo migliorano la sensibilità all’insulina, aumentano i valori di HDL (colesterolo buono), e migliorano contrattilità cardiaca e elasticità dei vasi sanguigni. Nel suo caso consigliamo di assumere due compresse di Cadired 5 al sera, dopo la cena. Prosegua il trattamento per almeno tre mesi e poi ripeta le analisi per controllare l’andamento dei valori ematici.

          Cordiali Saluti

          Reply

  7. laura
    5 febbraio 2016 @ 17:17

    dall’età di quaranta anni il mio colesterolo è aumentato in fasi alterne da 240 a 280 pur avendo i valori dei trigliceridi nella norma. Ho preso le statine per due anni ma ho dovuto sospenderle per i dolori muscolari in tutto il corpo, il dottore mi ha dato vari integratori tra cui alenil ma dopo 8 mesi sono al solito punto. Adesso ho 66 anni, e da 58 kg, il peso è aumentato fino a 65kg. Ho problemi di colite e spesso sono stitica. Cosa posso fare? Grazie

    Reply

    • admin
      8 febbraio 2016 @ 14:59

      @ laura:

      I suoi valori di colesterolo sono piuttosto elevati. Nel suo caso la strategia terapeutica migliore sarebbe quella di “attaccare” il colesterolo da due fronti: l’inibizione della sintesi e l’inibizione dell’assorbimento. Ecco perché le proponiamo l’associazione di Cadired 5 ed Ecamannan. Cadired 5, infatti, oltre al riso rosso fermentato (contenuto anche in Alenil) contiene carnitina e cromo picolinato che contribuiscono alla riduzione della sintesi di colesterolo LDL nel fegato, stimolano il suo utilizzo a livello dei tessuti, e contemporaneamente stimolano la sintesi di HDL (colesterolo “buono”).
      Ecamannan, invece, è un integratore a base esclusivamente di Glucomannano puro ad alta viscosità. Le caratteristiche chimico-fisiche di questa fibra di alta qualità, le permettono, una volta ingerita, di rigonfiarsi nello stomaco formando una massa morbida ma densa, in grado di inglobare al suo interno parte del colesterolo ingerito con i pasti, rendendolo indisponibile per l’assorbimento. Il gel morbido ed idratato che si forma, inoltre, raggiunge l’intestino dove aumenta il volume delle feci e le idrata, velocizzando il transito intestinale e facilitando l’evaquazione.
      Consigliamo pertanto di assumere due compresse di Cadired 5 la sera dopo cena e 1,5 g (un misurino della polvere o 3 capsule) di Ecamannan durante i due pasti principali, con abbondante acqua (almeno due bicchieri).
      Prosegua questo trattamento per almeno tre mesi e poi ripeta le analisi per verificare l’efficacia dell’associazione. Saremmo molto lieti se volesse farci sapere come è andata.

      Cordiali Saluti

      Reply

  8. Eugenia Bertoni
    1 febbraio 2016 @ 9:21

    Per favore, vorrei gentilmente sapere se mio marito può assumere il CADIRED 5; segue una dieta vegana e non può prendere le statine altrimenti si alzano i valori della CPK e comunque, dato che lo produce, i valori sono sempre intorno a 260 di colesterolo.

    grazie
    Eugenia Bertoni

    Reply

    • admin
      1 febbraio 2016 @ 13:00

      @ Eugenia Bertoni:

      Suo marito può assumere tranquillamente Cadired 5 in quanto i principi attivi in esso contenuti, tutti di origine vegetale, agiscono inibendo la sintesi del colesterolo in maniera non totale ed irreversibile (come fanno le statine). In questo modo si riescono ad ottenere buoni risultati in termini di riduzione sia del colesterolo totale (TC) che delle LDL, senza però incorrere negli effetti collaterali caratteristici delle statine di sintesi. Consigliamo dunque di assumere due compresse di Cadired 5 al giorno, di cui almeno una preferibilmente la sera dopo cena, e di ripetere le analisi del sangue dopo tre mesi di trattamento per valutare l’efficacia del prodotto sui valori del colesterolo.

      Cordiali Saluti

      Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *