325 Comments

  1. Maurizio
    20 dicembre 2017 @ 9:28

    Salve volevo un informazione .Lotorino mi ha diagnosticato un reflusso laringo faringeo mi ha dato una cura con degli imtegratori e dopo un po sono stato bene .Ora si ripresenta di nuovo la sensazione di nodo in gola faringel puo essere un buon rimedio a questo ? Grazie

    Reply

    • L'esperto
      22 dicembre 2017 @ 10:14

      Salve, Faringel è indicato proprio nel trattamento del reflusso laringofaringeo grazie agli attivi naturali (Aloe vera gel, propoli depollinata, camomilla, calendula e miele) che ne riducono efficacemente i fastidiosi sintomi. Inoltre Faringel attraverso un’azione meccanica, diminuisce il numero e l’intensità dei reflussi dando rapido e duraturo sollievo da tutti i sintomi sia esofagei che extraesofagei.

      Reply

      • Maurizio
        26 dicembre 2017 @ 12:39

        Quante bustine al giorno e per quanto tempo bisogna assumerlo . grazie

        Reply

        • L'esperto
          8 gennaio 2018 @ 9:59

          Salve, potrà assumere 1 stick di Faringel (oppure 7 ml) dopo i pasti principali e la sera prima di coricarsi. Potrà notare qualche beneficio sin dalle prime somministrazioni, anche se per risultati più importanti e duraturi il trattamento dovrà essere proseguito per almeno 30 giorni. Al fine di massimizzare il tempo di contatto degli attivi con le mucose (e quindi l’efficacia) suggeriamo di tenere in bocca Faringel per qualche momento prima di deglutirlo e di evitare di bere o mangiare per almeno 30 minuti dopo la somministrazione.

          Reply

  2. Maria
    9 dicembre 2017 @ 15:13

    Buongiorno.
    Soffro di dolore al petto (causa esofagite), non ho bruciore di stomaco e neanche rigurgito acido, solo dolore al petto.
    Pensa che possa avere giovamento dall’assunzione di faringel?
    Assumo noremifa sciroppo ma non sempre risulta efficace.
    Grazie

    Reply

    • L'esperto
      12 dicembre 2017 @ 15:24

      Salve, riteniamo che con Faringel potrà trarre giovamento dal dolore al petto che riferisce, in quanto gli attivi naturali in esso contenuti, tra cui propoli depollinata ed aloe vera, agiscono proprio lungo le pareti dell’esofago con un’azione antinfiammatoria, lenitiva e cicatrizzante sulle mucose danneggiate. Potrà quindi assumere 1 stick di Faringel (oppure 7 ml) dopo i pasti principali e prima di coricarsi.

      Reply

  3. Marta
    24 novembre 2017 @ 12:20

    Buongiorno mi è stato prescritto faringel dicendomi di tenerlo nel congelatore e prenderlo dopo i 2 pasti principali? È corretto tenerlo in congelatore?

    Reply

    • L'esperto
      28 novembre 2017 @ 12:01

      Salve, Faringel può essere tenuto in congelatore senza alterazioni dell’efficacia. Infatti, soprattutto per patologie che riguardano la bocca ed il cavo orale, questa modalità di utilizzo può potenziarne l’azione anestetica.

      Reply

  4. daniele
    19 novembre 2017 @ 12:05

    salve, può essere usato per bambini di 7 anni ?

    Reply

    • L'esperto
      27 novembre 2017 @ 12:50

      Salve, Faringel può essere utilizzato tranquillamente dai bambini al di sopra dei 3 anni poiché sia il miele che la propoli in esso contenuti sono OGM e ipoallergenici.

      Reply

  5. Giovanna
    28 ottobre 2017 @ 12:15

    Salve!
    Mi complimento per la sezione commenti, veramente fatta bene ed esauriente. Mi scuso se è già stato detto, ma volevo chiedere se faringel può essere sostituito al gaviscon… Ho fatto una visita con fibroscopia ottica e l’otorino non ha dubbi sul fatto che la mia infiammazione a laringe e faringe sia causata da reflusso (tra l’ altro già diagnosticatomi anni fa ma che finora non mi aveva mai dato grossi problemi perché non avverto mai reflussi dallo stomaco, nemmeno di notte).
    Prendo ranitidina la sera e gaviscon dopo i pasti e prima di dormire, l’otorino mi ha detto di prendere faringel in più, ma gaviscon mi sembra uguale e poi non vorrei che contrastasse l’ effetto emolliente di faringel….oppure fino a che non passa il mal di gola prendo tutti e due?
    O tutti e due solo prima di dormire visto che probabilmente i reflussi sono notturni?
    Grazie!

    Reply

    • L'esperto
      30 ottobre 2017 @ 15:35

      Salve, come ha giustamente notato l’alginato, il principio attivo che contrasta la risalita del contenuto gastrico lungo l’esofago, è presente sia nel Faringel che nel Gaviscon. Il Faringel in più contiene degli attivi naturali, come l’aloe vera e la propoli, che svolgono un’azione antinfiammatoria, lenitiva e cicatrizzante sulle mucose danneggiate dai reflussi, permettendo così un immediato sollievo e una rapida guarigione dai sintomi extraesofagei di cui soffre. Potrà quindi provare ad assumere Faringel dopo pranzo e dopo cena, favorendo così l’azione curativa sulle mucose della gola, ed associare al Faringel il Gaviscon la sera prima di coricarsi.

      Reply

      • giovanna
        31 ottobre 2017 @ 12:50

        grazie!

        Reply

  6. Vittorio
    7 ottobre 2017 @ 23:31

    Salve soffro di gastrite biliare e reflusso laringo esofageo atipico . Prendo al mattino lucen 20, dopo colazione marial, dopo pranzo deflux, prima di cena peridon, durante la cena deursil, dopo cena deflux, prima di coricarsi marial. Dopo un mese di cura ho ancora tosse e saliva appiccicosa in gola. Volevo sapere se potevo prendere il faingel al posto o del deflux o del marial
    Grazie

    Reply

    • L'esperto
      11 ottobre 2017 @ 12:16

      Salve, nessuno dei due prodotti che sta utilizzando contiene principi attivi per lenire le mucose infiammate della gola. Faringel, grazie alla presenza di aloe vera, propoli e calendula e camomilla, ha un effetto antinfiammatorio, antidolorifico e lenitivo sin dalla prima somministrazione. Il miele di eucalipto, inoltre, agisce efficacemente sulla tosse stizzosa e sulle secrezioni. Per queste ragioni riteniamo che possa trovare giovamento nell’utilizzare Faringel al posto del Deflux (PS: anche Faringel contiene alginato per il reflusso), con le stesse modalità (una bustina dopo pranzo e una dopo cena). Potrà notare qualche beneficio sin dalle prime somministrazioni, anche se per risultati più importanti e duraturi il trattamento dovrà essere proseguito per almeno 30 giorni. Al fine di massimizzare il tempo di contatto degli attivi con le mucose (e quindi l’efficacia) suggeriamo di tenere in bocca Faringel per qualche momento prima di deglutirlo e di evitare di bere o mangiare per almeno 30 minuti dopo la somministrazione.

      Reply

  7. Jennifer
    29 settembre 2017 @ 11:34

    Buongiorno può essere utilizzato insieme al Malox? O crea interazioni o limita l’assorbimento!?

    Reply

    • L'esperto
      4 ottobre 2017 @ 12:13

      salve, Faringel può tranquillamente essere utilizzato insieme al Maalox, in quanto i due prodotti agiscono con meccanismi diversi e senza interferire negativamente tra loro. Suggeriamo di impostare un trattamento con Faringel e di associare Maalox “al bisogno” nei casi di bruciore di stomaco più intenso.

      Reply

    • L'esperto
      4 ottobre 2017 @ 12:34

      Salve, può tranquillamente usare Faringel insieme al Maalox poiché i due prodotti svolgono azioni diverse e non in contrasto tra loro. Suggeriamo di impostare un trattamento con Faringel, da assumere dopo i pasti principali e/o la sera prima di coricarsi, e di associare Maalox “al bisogno” in caso di bruciori di stomaco più intensi.

      Reply

  8. Maria
    13 settembre 2017 @ 20:01

    Buonasera,
    da ormai più di 15 anni in gola si forma del muco, a volte bianco, a volte purulento. Ho fatto diverse visite specialistiche più relative cure, ma senza risultati.
    Nell’ultima visita dall’otorino, finalmente si è scoperto essere una forma severa di reflusso laringofaringeo, con asma da reflusso.
    Le cure con Pantorc 40mg al mattino, Exodos prima dei pasti principali e Marial dopo i pasti principali, non ha portato ancora beneficio. Ho inoltre dovuto sospendere Pantorc perché invece che portare sollievo, mi procurava bruciori di stomaco e forte acidità (dei quali in genere non soffro).
    Cercando alternative più naturali, ho provato neobianacid ma questo mi causa dolori alla bocca dello stomaco e senso di mancanza di respiro sempre a quell’altezza.
    Così ho ripreso le ricerche e mi sono imbattuta in Faringel.
    Vorrei gentilmente sapere se secondo il vostro parere, Faringel potrebbe essermi di aiuto, in primis a far sparire questo brutto muco denso e appiccicoso, che fatico tanto a fare uscire (a volte ci impiego 3 o 4 giorni) e se potrebbe causare disturbi simili a quelli di Pantorc o bianacid.
    Chiedo scusa per la prolissità del messaggio.
    Vi ringrazio cordialmente in anticipo

    Reply

    • L'esperto
      15 settembre 2017 @ 10:26

      Salve, da quello che ci ha riferito, Faringel è particolarmente indicato nel suo caso. Infatti Faringel svolge una duplice azione nel trattamento del reflusso laringofaringeo, in quanto blocca la risalita del contenuto gastrico ed agisce sulle mucose laringofaringee con un’azione antinfiammatoria, emolliente e anestetizzante. Inoltre grazie alla presenza di propoli depollinata, contrasta l’insorgenza di micosi e la proliferazione di batteri patogeni. Potrà quindi utilizzare uno stick di Faringel da assumere dopo i pasti e prima di coricarsi, avendo cura di tenerlo in bocca per un paio di minuti prima di deglutire, e di evitare di bere o mangiare per almeno 10 minuti dopo l’assunzione.

      Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *